Cosa succede quando torniamo sul posto di lavoro
Cosa succede quando torniamo sul posto di lavoro

 

Dopo il Coronavirus

Cosa succede quando torniamo sul posto di lavoro?

03 aprile 2020 | Di Janet Pogue McLaurin

Nota del redattore: questo post fa parte della nostra continua esplorazione di come il design sta rispondendo alla pandemia di COVID-19.

Il coronavirus ha capovolto tutto. Ma ora che stiamo iniziando a capire come lavorare da casa, i nostri clienti iniziano a chiedersi come possono prepararsi a riportare le persone in ufficio quando la crisi si attenua.

Sappiamo dai nuovi dati sul posto di lavoro del Gensler Research Institute che un posto di lavoro ben progettato è ancora il luogo che le persone vogliono essere. Nel USA Workplace Survey 2020, abbiamo posto proprio questa domanda: porre le opzioni tra casa, luogo di lavoro dell'azienda, uno spazio di coworking o caffetteria. Senza dubbio, l'ufficio era il luogo di lavoro preferito delle persone, purché progettato per supportare il loro lavoro.

Tuttavia, prima di poter chiedere alle persone di tornare in ufficio, dobbiamo assicurarci che si sentano sicuri, in salute e apprezzati sul posto di lavoro. E, mentre è troppo presto per comprendere la portata delle nuove competenze e abitudini che stiamo sviluppando mentre lavoriamo in massa da casa, non è troppo presto per iniziare a pianificare come possiamo riportare centinaia di migliaia di persone sul posto di lavoro una volta che fine delle quarantene. Ecco alcune considerazioni sui primi passi che le aziende possono intraprendere a breve termine.

Pianificazione per il vicino ora


Mantieni le distanze.
A meno che le persone non indossino maschere per il viso, la regola del distanziamento sociale di 180 cm. dovrebbe applicarsi nell'area di lavoro fisica fino a quando non vi sarà un vaccino COVID-19 e il coronavirus non sarà più una minaccia per la salute dei dipendenti. Nel frattempo, i datori di lavoro dovrebbero rimuovere le sedie in eccesso nelle sale conferenze con più di 10 posti. Distribuire i posti di collaborazione, in modo che le persone siano distanziate ulteriormente. E incoraggiare le persone a collaborare virtualmente ogni volta che è possibile.

De-densificare le stazioni di lavoro.
Questa potrebbe essere una sfida in aree in cui la spaziatura della scrivania è ridotta, come alcuni layout di panca aperti. In situazioni in cui la distanza tra la scrivania esistente è inferiore a 180 centimetri di distanza, considera l'utilizzo di ogni altra scrivania per creare un buffer per ogni persona. Ciò potrebbe essere ottenuto assegnando alcune persone al lavoro da casa o localizzandole temporaneamente in altre aree. È l'ideale per spaziare i dipendenti in modo che non si affrontino. Prendi in considerazione l'aggiunta di partizioni per i desk sit / stand collegati al desktop e spostati su e giù con il desktop. L'obiettivo è bloccare i virus potenzialmente dannosi che possono essere trasmessi parlando, tossendo o starnutendo. È anche preferibile evitare situazioni in cui un dipendente è in piedi mentre un altro è seduto all'interno della stessa bolla di 180 centimetri.

Ripensa ai posti dinamici e non assegnati.
Al ritorno in ufficio, considera la possibilità di assegnare agli individui quelli che erano stati precedentemente condivisi per un giorno  intero o una settimana, quindi assicurati che vengano disinfettati prima che una nuova persona usi l'impostazione di lavoro.

Limitare la condivisione tecnologica. Per evitare la trasmissione di malattie, è meglio fornire tecnologia e accessori (come mouse, tastiera o cuffie) a ciascun individuo. Questi dispositivi vengono toccati durante il giorno e è meglio non condividerli senza disinfettare tra gli usi.

Accelera i protocolli di pulizia.
La salute dei dipendenti dipende da un ambiente di lavoro sicuro e pulito. Le organizzazioni dovrebbero implementare protocolli di pulizia professionale non solo per le stazioni di lavoro, ma anche per le sale conferenze, le aree collaborative, i caffè, i banchi reception e altre aree comuni a intervalli regolari durante il giorno. I datori di lavoro dovrebbero fornire salviettine disinfettanti e disinfettanti per le mani in tutto l'ufficio, specialmente nelle aree comuni. Se i lavoratori mantengono una scrivania pulita e ordinata, il lavoro dei professionisti sarà solo più efficace.

Aggiornare i sistemi di filtrazione dell'aria.
Anche l'aria che respiriamo è una risorsa condivisa, quindi investi in sistemi di depurazione dell'aria per proteggere gli ambienti collaborativi. Prendi in considerazione l'installazione di sistemi di depurazione e sanificazione dell'aria all'avanguardia. Molti di questi sistemi visualizzano misurazioni della qualità dell'aria in tempo reale su schermi digitali per tenere informati i dipendenti e fungeranno da disinfettante continuo, migliorando la qualità dell'aria riducendo i contaminanti presenti nell'aria e di superficie come virus, batteri, germi, COV, fumo e altri allergeni.

Pratica una buona igiene. Rafforzare le buone pratiche igieniche con servizi igienici ben forniti che hanno sapone senza contatto e prodotti per la pulizia antivirale. I datori di lavoro dovrebbero anche installare un sacco di distributori a mani libere con disinfettante che contiene almeno il 60-95% di alcol in hall, sale conferenze e sale. Sono preferibili i rifiuti senza contatto e i contenitori per il riciclaggio. Inoltre, le maniglie delle porte, i lettori di badge e le aree comuni condivise devono essere disinfettati durante il giorno.

Aggiungi materiali antimicrobici al mix. I produttori stanno integrando la tecnologia antimicrobica negli elementi di interior design tra cui rubinetti, tonalità delle finestre, vernice e hardware delle porte, applicando rivestimenti che funzionano per mantenerli più puliti dalla moltiplicazione dei batteri. Prendi in considerazione l'aggiunta di questi materiali, soprattutto nella costruzione di hall, banchi reception e aree comuni condivise.

Dai potere alla tua gente. Considera come si sentiranno i dipendenti quando si preparano a tornare in ufficio. Invece di richiedere che tutti tornino subito, considera di offrire la possibilità alle persone di farlo a ondate. Ciò potrebbe non solo fornire il necessario distanziamento sociale, ma consentirebbe anche ai dipendenti un maggiore senso di controllo sulla propria salute.

Sii aperto a nuovi modi di lavorare.
Più a lungo lavoriamo da casa in gran numero, più nuove abitudini e nuovi modi di lavorare inizieranno a prendere forma. Avremo scoperto diversi modi di collaborare virtualmente, che probabilmente continueranno quando torneremo in ufficio. I flussi di lavoro e la comunicazione potrebbero migliorare. Dobbiamo abbracciare questi cambiamenti e lasciarli fiorire.

Tutti ci aspettiamo che la pandemia di coronavirus causi grandi cambiamenti nel modo in cui viviamo il mondo. Quindi, quando questa crisi finirà, potremmo scoprire che ci sono stati cambiamenti fondamentali nel modo in cui lavoriamo e nella progettazione del posto di lavoro. Ma sappiamo che il posto di lavoro è ancora importante. Costruire comunità, rafforzare la cultura della nostra organizzazione e rafforzare le relazioni con i colleghi è ancora ciò che riguarda il posto di lavoro.

 


 


Visita il nostro profilo Instagram Visita il nostro profilo Instagram!